logo
logo

L'acero lacero » Strumenti in rassegna

 

 STRUMENTI IN RASSEGNA
 
Vivere bene e positivamente può sembrare semplice, ma lo è solo in apparenza. In realtà come in ogni disciplina c’è bisogno di allenamento, così nella vita c’è bisogno della pratica. E’ un allenamento non faticoso e persino piacevole, compensato dai risultati che si conseguono. E’ un sistema che ci porta prima alla conoscenza e poi al miglioramento di noi stessi e della nostra esistenza nonché, lo sottolineo ancora, di quella degli altri. Praticare e in particolare meditare non è comunque facile, specie all’inizio. Rivolgersi a buoni maestri è sempre necessario.
 
Imparare sempre è una delle regole fondamentali. Uno dei principi della vita è l’impermanenza, il continuo mutare delle cose, il continuo succedersi degli eventi. Il mondo esterno, gli altri, il progresso scientifico e tecnologico sono una continua evoluzione e una strabiliante occasione di crescita, di maturazione, di presenza. La vita va vissuta come una continua scuola. L’assonanza tra noi e gli altri ci permette costantemente di imparare cose nuove, che completano il nostro essere. Solo il rapporto con gli altri e non l'isolamento permette di crescere in abilità e conoscenza. Imparate e restituite la conoscenza. E non dovete attendere gratitudine da coloro cui offrite, perché ha permesso di esercitare la vostra virtù.
 
L’educazione, l’apprendimento dura del resto tutta la vita. Ognuno di noi impara continuamente dalla vita, dagli altri, cose nuove. Spesso ascoltiamo persone che hanno l’obiettivo di insegnarci ogni cosa. Ma impariamo a discernere. Chi sono i veri maestri? Sono quelli che lanciano proclami e fanno tronfio sfoggio di cultura? No. Sono quelli che danno l’esempio, quelli che non insegnano ma danno un modello di vita, quelli che hanno amore per il lavoro, amore per la vita, amore verso i giovani, che coniugano vita sociale e lavorativa con la vita spirituale e che mostrano e danno a gli altri serenità e dolcezza. Di solito questi esseri meravigliosi non si professano Maestri.
 
Mantenere un corpo sano è fondamentale per mantenere lucidità e apertura mentale. La medicina orientale e oggi anche quella occidentale sostengono che tra spirito e corpo c'è uno strettissimo rapporto e che i due aspetti si influenzano in modo consistente.
Avere cura del corpo è quindi avere cura della propria mente.
Seguire questa indicazione permette una crescita dell'autostima, in quanto ogni giorno si sentirà crescere le proprie risorse interne e si sentirà di avere gli strumenti per far fronte ai bisogni.
Quando si fa esercizio psicofisico è bene che gli obiettivi siano:
·        La cura dell’equilibrio che dà senso di sicurezza
·        La ricerca della corretta postura
·        La fermezza dello sguardo
·        L'allenamento (fiato, camminata e addominali) che danno benessere e forza e aiutano la circolazione
·        La profondità del respiro che dà calma e forza. Si può ottenere anche stirandosi.
·        La ricerca dell'armonia tra corpo e mente cercando di capire cosa vuole da noi il nostro corpo
Per fare buoni esercizi esistono oggi molte e diffuse scuole di ispirazione orientale o che utilizzano tecniche similari. Verificate sempre che l'attività corrisponda all'obiettivo.
Per chi non ha tempo di andare in palestra un ottimo esercizio è camminare, che oltretutto fa bene alla vene e al cuore.
 
Il contatto con la natura è una necessità fondamentale per ogni persona, che del resto istintivamente la ricerca e ne fa meta delle proprie vacanze e dei propri periodi di riposo. Il senso di non sopportazione della vita cittadina, l’esodo delle persone dalle grandi città ai piccoli paesi, sono la conferma di un bisogno che va assecondato. Più vivete con la natura, più vivete in sintonia con l’amore universale e questo non può che influenzare positivamente la vostra esistenza.
Certo oggi la vita nelle città è degradata e degradante. Quartieri industriali, quartieri dormitorio, sono da modificare e riqualificare profondamente. La grande città deve essere un giardino, il degrado urbano va corretto con una diversa concezione urbanistica dove la natura faccia parte del tessuto urbano, così come avviene nei paesi di minore dimensione.
Il Dalai Lama disse :
.... educatori, architetti, legislatori debbono unirsi per costruire un luogo per praticare pace e armonia. Le case e dovrebbero offrire condizioni adatte alla pratica del guardare e dell'ascoltare in profondità. Case in cui ci sia la stanza del respiro e l'angolo della pace. Nelle nostre case abbiamo bisogno di un posto dove tutti hanno il diritto di sedersi e respirare in silenzio, senza essere disturbati.
....per le città un parco potrebbe essere il posto idealeper i giochi dei bambini ma anche per la meditazione camminata di un gruppo di famiglie che pratichino il respiro e il guardare in profondità...
 
Imparare
Ascoltate, percepite, accogliete.
Diventate consapevoli di ciò che è dentro di voi e di ciò che è fuori:
degli spazi fra i pensieri, del cielo azzurro dietro le nuvole.
Ascoltate, come se fosse un suono nella notte. Praticate l'attenzione passiva.
E imparate.
Anonimo
 
Il vostro maestro.
Guardate al vostro nemico come fosse il vostro maestro:
può insegnarvi davvero molto.
XIV Dalai Lama.
 
Lo specchio della vita.
Possiamo usare tutto ciò che accade esternamente come uno specchio che ci aiuta a vedere quelle aree dentro di noi che hanno più bisogno di cure per maturare.
Ogni qual volta abbiamo un problema, soprattutto se si tratta di un problema cronico e ricorrente, si tratta sempre di una freccia che punta verso un qualche aspetto della nostra psiche, al quale dobbiamo rivolgere maggiore consapevolezza.
Se accettiamo il principio che la vita cerca sempre di insegnarci esattamente ciò che abbiamo bisogno di imparare, possiamo vedere tutto quello che ci accade come un dono.
Perfino le esperienze che sono spiacevoli e dolorose, contengono un'importante chiave per la nostra guarigione, completezza e prosperità.
Possiamo avere delle difficoltà a capire cosa lo specchio della vita stia cercando di mostrarci, ma se domandiamo con sincerità di conoscere il dono nascosto in ogni esperienza, questo ci sarà rivelato, in un modo o nell'altro.
Shakti Gawain
 
Coltivare la tranquillità
Lao - tze diceva di coltivare la tranquillità e il distacco.
Essere naturali significa non forzare le cose.
Quando agite naturalmente, ottenete ciò di cui avete bisogno,
ma per sapere cosa è naturale, dovete coltivare la tranquillità.
Maestro Hsieh
 
Antistress
Siediti. Chiudi gli occhi. Rilassa completamente i tuoi occhi. E' importante che le palpebre siano rilassate e non si muovano. Non deve esserci alcuna tensione nella zona intorno ai tuoi bulbi oculari. Non generare tensione e forza in nessuna parte. Rilassa i muscoli facciali, le spalle, le braccia. Rilassa l'addome e porta le mani sull'inguine. Non pensare a nulla. Se arrivano i pensieri semplicemente osservali, e porta la tua attenzione all'inspirazione e espirazione attraverso la tue narici. Ignora ciò che gli altri stanno facendo. Concentrati su ciò che stai facendo tu, dimentica il corpo, e rilassati. Non avere dubbi sul fatto che quello che stai facendo funzionerà.
Sheng-Yen
print
 
Login

:


Recupera password
Non sei ancora registrato?
Registrati ora!

Freely inspired to Mollio template
Powered by FlatNuX (FlatNuke3)! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by FlatNuX © 2003-2005| Site Admin: Me| Full Map
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.
Page generated in 20.5020 seconds.