logo
logo

L'acero lacero » Nati per vivere pienamente

 

NATI PER VIVERE PIENAMENTE
 
 
Indubbiamente in qualche parte del genoma umano come di qualsiasi appartenente al regno animale, è scritto che non si può stare fermi ma bisogna agire. Ogni essere agisce e vive in ogni momento della sua esistenza. In effetti il grande insegnamento è che la vita è adesso: bisogna concentrarsi sul presente, godersi il presente e vivere la vita intensamente, con profitto e soddisfazione, propria e altrui, sempre nella saggezza di camminare per la giusta via. 
Ogni giorno dell’ esistenza, ogni momento della giornata è la vita. Si cerchi di viverlo come se fosse l’ultimo. Domani non si sa come sarà. I momenti della quotidianità vanno assaporati lentamente come una prelibatezza. L’uomo non è perennemente in cammino verso una meta, sta vivendo oggi, e il cammino stesso è momento della sua meta.
Se la nostra speranza è salire in cima a una scala, assaporiamo la vittoria di salire su ogni gradino. Se la nostra gioia è fare un buon pasto, godiamoci ogni portata, ogni boccone. Come un’ape operosa, gustiamo ogni fiore che visitiamo nella giornata.
 
Ci si è chiesto se nella vita è più importante "Avere o Essere". La soluzione è Fare. Bisogna coltivare la gioia di dare e in particolare di fare.   Solo così si può affrontare sereni la morte, sicuri di aver speso al meglio la nostra esistenza.
 
Lo stato di soddisfazione può essere dato dalla coscienza della partecipazione attiva al processo vitale globale, al continuum tra il passato e il futuro del quale siamo partecipi e del quale bisogna essere protagonisti. Per questo occorre corrispondere al bisogno di consapevolezza, rendendo tutti coscienti degli obiettivi strategici e tattici del contesto in cui vivono.
 
Ognuno può dare il proprio contributo.
L'uomo in fondo è come un computer collegato a internet. Non è importante il computer ma la rete internet. Il computer è quello che contiene in termini di dati e di software. Ogni computer può dare il suo contributo e mettere in rete informazioni originali. Quando un computer è rotto si cambia ma la rete rimane. Il computer si sostituisce con un modello più moderno in modo che anche il suo contributo alla rete sia migliore.
Bisogna esaltare l'originalità di ognuno e il   piccolo contributo che ciascuno può dare.
 
Un mezzo per vivere pienamente la propria vita è il lavoro.
Affrontare il lavoro è probabilmente oggi la cosa più difficile e la sfida più forte. Spesso i rapporti di lavoro sono improntati a carrierismo e quindi alla ricerca della supremazia sugli altri a fini economici e di potere. Tuttavia molte cose si possono fare, cercando di migliorare la qualità della vita di relazione e la vita stessa di chi opera insieme a voi.
Evidenziamo alcune regole:
Innanzitutto il lavoro va visto con sereno distacco e consapevolezza. Bisogna cercare di aver sempre presente cosa si sta facendo e perché, quale è l'effetto e il prodotto del lavoro e pensare che comunque si opera per migliorare la società e la condizione umana.
Il lavoro è una delle principali occasioni di lasciare una piccola impronta positiva. Cogliete questa opportunità e agite per quanto riuscite a fare. Questo vale ancora di più quando sale la responsabilità e sono ampie le ricadute sugli altri del vostro operato.
L'atteggiamento di fondo sia: su, facciamo insieme un mondo migliore! Cercate sempre di improntare così il rapporto con i colleghi, con i superiori e con i subordinati. Vivrete meglio le ore di lavoro e sarete per gli altri una lezione vivente.
Non bisogna mai dimenticare che gli altri sono parte di voi e insieme si fa parte di un unico contesto. Cercate di aiutare i colleghi quando sono in difficoltà e soprattutto fate crescere i giovani professionalmente e umanamente perché i giovani siete voi al domani.
Anche il metodo di dirigere sia a sole raggiante dal basso e non dall’alto (esaltazione del lavoro degli altri e non soffocamento) facendo sentire tutti parte di un grande progetto.
E infine ricordatevi bene che non sarete mai i soli a risolvere i problemi dell’umanità, né che è così importante di solito un guadagno superiore a quanto già disponete. Lasciate in conseguenza lo stress fuori dalla porta della vita.
 
La famiglia è il luogo dell’amore universale e i figli sono l’espressione più alta dell’Amore. Allevare bene i figli è una dei principali piaceri e doveri della vita. L’importante è avere consapevolezza del bene. Ricordate le caratteristiche dell’uomo. Il genitore cerchi di esaltare l’espressione della natura intrinseca dei bambini, di non condizionarli troppo e di converso di indirizzarli verso un rapporto di alleanza e solidarietà con gli altri esseri umani e di rispetto della natura. I risultati si vedranno, l’educazione funziona, e questo è una delle azioni più importanti e nobili che si possano fare.
 
Un vecchio monaco
.. un vecchio monaco stava lavorando sotto il sole infuocato e sudava e si spossava. Un passante gli chiese: perché non lasci questo lavoro ai più giovani?
R: perché gli altri non sono me.
Perché non aspetti il tramonto?
R: perché non c'è un altro momento.
 
 
Non inseguite il passato
“Non inseguite il passato, non perdete voi stessi nel futuro.
Il passato non c’è più. Il futuro deve ancora arrivare.
Guardate in profondità la vita così com’è.
Proprio nel qui e ora, colui che pratica dimora stabile e libero.
Dobbiamo essere diligenti oggi. Aspettare domani è tardi.
La morte arriva inaspettata. Come possiamo mercanteggiare con essa?
Bhaddekaratta Sutta

 

Vivere ogni giorno come fosse l’ultimo.

Cos’è più certo: il domani o la morte?
Se la morte è inevitabile, come posso vivere la mia vita?

La risposta, per me, è di imparare a vivere ogni giorno

come fosse l’ultimo.
Essere gentile con i miei amici e le persone care, oggi.
Vivere con la coscienza pulita, oggi.
Compiere il mio dovere, oggi.
Vivere in consapevolezza, oggi.
Essere in pace, oggi.
Essere felice, oggi.

Se vivo oggi, vivo in pace.
Se muoio oggi, muoio in pace.
Questa è la mia risposta.

Insegnante di Dharma

 
 
Dipende da te.
Facessi nel tuo cuore una mangiatoia per il suo natale,
Dio nascerebbe bambino di nuovo sulla terra.
Angelus Silesius
print
 
Login

:


Recupera password
Non sei ancora registrato?
Registrati ora!

Freely inspired to Mollio template
Powered by FlatNuX (FlatNuke3)! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by FlatNuX © 2003-2005| Site Admin: Me| Full Map
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.
Page generated in 17.9224 seconds.