logo
logo

L'acero lacero » Rinascere continuamente

 

 

RINASCERE CONTINUAMENTE

Tutti dovrebbero saper vedere che le cose cambiano e che dopo un giorno ne verrà un altro e tutto è destinato a mutare. E’ una esperienza personale evidente. Tuttavia nella filosofia occidentale attuale questa evidenza non viene messa a sistema. Spesso si tende a voler fermare il tempo, a fissare regole di lunga durata, e questo nella vita personale come in quella sociale e produttiva e nella politica.

Tutti noi spesso abbiamo comportamenti che non considerano la nostra caducità, la nostra mutevolezza e tendiamo a considerarci e interpretare la nostra esistenza come fossimo immortali e sempre uguali a come siamo oggi.

Bisogna sempre considerare invece la dinamicità delle esistenze. L’uomo cambia attraverso le diverse età della vita, cambiano e con quale velocità, i sistemi di lavoro, i modi di pensare, gli atteggiamenti personali e sociali. Se si prende una fotografia dello stesso uomo a 10, 30, 60 anni si vedono tre individui diversi. Ma anche i  pensieri, gli atteggiamenti, le opinioni  mutano.

Il continuo divenire delle persone e l'uomo che si trasforma continuamente costituiscono il principio dell'impermanenza.  L'uomo non è una costante, ma un processo, sottoposto a continuo mutamento.

Pensiamo a una ruota che gira.  Ha un percorso precedente, a ogni momento determina il suo futuro, si muove solidarmente in tutte le sue parti. Ogni giro di ruota percorre un pezzo di strada.

E' così che  gira il mondo, è così che si esprime  il concetto di evoluzione.

Esiste quindi un processo vitale globale, un continuum,  per cui  c'è uno  stretto legame tra passato presente e futuro e bisogna riconoscere che il passato condiziona il nostro presente e le nostre azioni condizioneranno il futuro.

La vita è ciclica e il compimento di un giro porta a una nuova rinascita. E ad ogni giro cambia il cammino della ruota. Un nuovo tratto di strada viene compiuto, forse un nuovo percorso, che non è  mai quello precedente. La vita si rinnova ad ogni ciclo.

Bisogna quindi  pensare alla vita del singolo in una visione storica, cioè un frammento di un lunghissimo percorso di cui noi oggi viventi non siamo che un segmento, una staffetta tra il passato e il futuro, e bisogna, affinché la via sia retta, imparare dal passato e trasmettere correttamente al futuro.

Attraverso il movimento la ruota sceglie il suo cammino. Nulla è predeterminato. Il singolo uomo ha una grande responsabilità nella costruzione delle realtà del domani.

 Attraverso le sue azioni e le sue parole l’uomo trasmette la vita. La vita non si trasmette infatti solo con l’atto sessuale e la gestazione. La vita si trasmette agli altri in ogni atto della nostra esistenza. La vita si trasmette come la fiamma tra due candele, come il movimento tra due palle da biliardo, come il testimone in una corsa a staffetta.. La vita si trasmette ogni giorno, con la comunicazione e con l'esempio.

Gli occidentali sono portati a pensare che la morte esaurisca di fatto la  vita terrena. Non è così. Ciò che noi facciamo in bene e in male si accumula e si trasmette nel futuro e su chi prosegue la nostra esistenza, indipendentemente dalla fisicità della nostra presenza. E’ bello pensarlo ma in realtà è anche vero: nessuno muore mai. Tutti coloro che non sono più tra i viventi fisici sono in realtà con noi sempre, perché ci hanno insegnato, influenzato, creato. E le volte che la fisicità viene persa da qualcuno più giovane, anche questi rimane con noi perché l’amore che gli abbiamo dato, il sorriso che abbiamo ricevuto, ha aperto il nostro animo, ha cambiato il nostro essere, la nostra esistenza. Dentro ogni persona c’è tutto il passato e il futuro.

 

Creazione del mondo

Secondo gli insegnamenti buddhisti il mondo è il risultato della coscienza collettiva.   Attraverso il pensare, il dire, il fare, si contribuisce in concreto alla creazione del mondo. Il valore della creatura dipende dal nostro atto creativo, perché creiamo il mondo minuto dopo minuto.  Se il mondo è pieno di violenza è perché noi lo abbiamo creato così, tutti insieme. Dobbiamo cambiare il nostro modo di creare il mondo con saggezza e gentilezza amorevole, affinché non si trasformi in un luogo irrimediabilmente ostile per noi e per i nostri figli.

Dalai Lama

 

Il mondo fuggevole

Così penseremo questo mondo fuggevole:

come una stella all'alba

una bolla d'aria in un fiume

un lampo in una nuvola estiva

un lume tremulo, un fantasma o un sogno.

Il Sutra del Diamante.

 

Rinascere

Ogni momento è nascita,
ogni momento è morte.

Il sorgere di un momento-pensiero (inspirazione) significa
lo spegnersi di un altro momento-pensiero (espirazione)

E viceversa.

Des, Insegnante di Dharma

 

Compleanno

Se impariamo a godere della semplice felicità della vita, allora ogni minuto può essere una occasione per festeggiare il nostro compleanno. Ci sembrerà di rinascere ancora e ancora, sentendoci sempre nuovi e felici. Ogni essere sensibile fa, in ogni minuto, l'esperienza della vita e della morte. E questo perché le nostre menti, i nostri corpi e tutto quando ci circonda nascono e muoiono continuamente. Tutto cambia costantemente.

Sheng-Yen

print
 
Login

:


Recupera password
Non sei ancora registrato?
Registrati ora!

Freely inspired to Mollio template
Powered by FlatNuX (FlatNuke3)! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by FlatNuX © 2003-2005| Site Admin: Me| Full Map
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.
Page generated in 17.5906 seconds.