logo
logo

 
Calendario
Data: 20-03-2019
Ora: 16:53

 
Statistiche
Visite: 2195408
Statistiche

 
Servizi

Articoli IDEM » Balla con la farfalla

Balla con la farfalla

  

di Enzo Parisi

 

Sull’Appennino ligure vivono tantissimi insetti. Bisognerebbe conoscere meglio gli insetti (oltre 40.000 specie solo in Italia: di quanti sappiamo il nome? Proviamo a contarli solo fino a 10 !). Pensiamo che le specie totali di animali presenti in Italia sono circa 56.000, di cui i mammiferi sono solo 100, topi e pipistrelli compresi. Ogni specie di insetti merita di essere conosciuta, con le sue particolarità, pensiamo ai diversi nidi delle varie vespe, alle varie specie di formiche e alla loro socialità, alle tele del ragni…

Con Agosto arriva la mia Callimorpha. Non ha un consolidato nome comune italiano, come del resto quasi tutti gli insetti, ma solo un nome scientifico, anzi due. Uno è Callimorpha quadripunctaria, l’altro Euplagia quadripunctaria. Callimorpha fa riferimento alla bella forma, Euplagia alle belle diagonali disegnate sulle ali, quadripunctaria ai quattro punti neri presenti sulle ali rosse.

E’ una vistosa farfalla con apertura alare di 42 – 52 mm, che si caratterizza per la notevole differenza tra le ali anteriori e posteriori.

Le prime hanno colorazione superiore scura (bruna – nera) con striature bianco giallastre a prevalentemente disposizione trasversale; le seconde sono invece rosse con nette macchie nere di forme tondeggiante o allungate.

E’ una specie protetta dalla direttiva Habitat della Comunità Europea. E’ diffusa in tutta Italia, in buona parte dell’Europa e nel Nord Africa. Io la chiamo farfalla ballerina. Perchè le piace ballare con alcune persone e io sono tra i fortunati. In casa mia balla (lo dico con vanto) solo con me.

Appena arrivo dal cancello di casa, viene a salutarmi e mi accompagna danzando fino alla porta. E qualche volta mi salta di seguirne le mosse. Chi mi vede penso possa nutrire dubbi sulla mia salute mentale.

Tra noi è anche un rapporto di scambio. Lei balla e io le salvo, nel falciare il prato, la sua pianta preferita, la Canapa d’acqua (Eupatorium cannabinum), i cui fiori violetti sono la principale fonte di cibo.

E così, tra una danza e l’altra passa l’estate e a settembre la Callimorpha sparisce di scena. Ma so che la prossima estate ci sarà un nuovo incontro, come quegli amici che si vedono solo in vacanza.

Continua così da anni, ma la scoperta che ho fatto dopo un po’ di tempo mi ha lasciato veramente a bocca aperta: la Callimorpha ha un ciclo di vita annuale. Detto in altre parole d’inverno muore.

Le femmine depongono le uova verso l’inizio di settembre e le larve, polifaghe, emergono dopo 8-15 giorni, alimentandosi per breve tempo su varie piante (rosacee, platano orientale robinia, viti, gelsi, caprifogli) per poi entrare in ibernazione. Dopo la 5° muta, il bruco tesse un bozzolo leggero.

Ogni anno quindi ho ballato con una farfalla diversa, figlia, nipote, pronipote etc. di quella con cui ho ballato la prima volta.

Mi sono chiesto il perché di questa predilezione per me. Forse emano un odore particolare, ma mi piace di più pensare che con i geni si trasmettano, anche a livello degli insetti, sensazioni e ricordi o che istintivamente sappiano riconoscere le persone amiche.

 

print
 
Login

:


Recupera password
Non sei ancora registrato?
Registrati ora!

Freely inspired to Mollio template
Powered by FlatNuX (FlatNuke3)! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by FlatNuX © 2003-2005| Site Admin: Me| Full Map
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.
Page generated in 16.3919 seconds.